Libertà dell'insegnamento e dello studente: l'appello dal Giannone

- Scuole Università IlVaglio.it

"In un clima di preoccupante regressione culturale, civile e politica, di scontro permanente che non disdegna l’uso della violenza verbale (e non), la chiusura identitaria, l’oblio dei più elementari principi che fondano la vita comune del nostro Paese, la rimozione della storia e, nel caso della scuola, riforme ancora una volta “calate dall’alto” e imposte senza discussione, appare particolarmente grave l’episodio accaduto a Palermo, dove Rosa Maria Dell’Aria, docente di storia e italiano dell’ITI “Vittorio Emanuele III” da quaranta anni, si è vista sospesa con il taglio dello stipendio, rea di non aver “vigilato” su alunni che hanno equiparato alcuni provvedimenti dell’attuale Governo a quelli presi durante il ventennio fascista. Due le questioni salienti, che porremo in forma di domanda. Il “controllo” che un docente esercita equivale a censura di opinioni sgradite a questa o quella maggioranza politica (che evidentemente ha zelanti informatori e delatori ben disseminati nelle istituzioni)? L’iniziativa da parte del MIUR, organo presieduto da un ministro “politico”, non si configura come un tentativo di intimidazione nei confronti del libero esercizio dell’insegnamento? Tale libertà, sancita dall’art. 33 della Costituzione, viene articolata nel Decreto legislativo del 16 aprile 1994, n. 297. Vi si legge (all’art. 1, comma 1): «Nel rispetto delle norme costituzionali e degli ordinamenti della scuola [...], ai docenti è garantita la libertà di insegnamento intesa come autonomia didattica e come libera espressione culturale del docente». L’art. 2 (“Tutela della libertà di coscienza degli alunni e diritto allo studio”), invece, al comma 1, si sposta sulla libertà dello studente: «L’azione di promozione di cui all'articolo 1 è attuata nel rispetto della coscienza morale e civile degli alunni».

I docenti del Liceo “P. Giannone” di Benevento e i rappresentanti di Istituto, firmatari del presente appello, ritenendo inaccettabile l’iniziativa di censura del MIUR, che lede tanto la libertà di insegnamento della docente quanto la libera espressione di idee da parte dei suoi giovani studenti, nel dichiarare loro piena solidarietà, chiede l’immediata revoca di tale incomprensibile provvedimento". Seguono le firme dei docenti: Amerigo Ciervo, Nicola Sguera, Donato Faiella, Paola Del Gais, Francesca Esposito, Maria Cristina Zilla, Natalia Cosentini, Ivana Mandato, Enza Ullo, Angelo De Cicco, Loredana Lombardi, Mariateresa Del Core, Anna Aversano, Elena D'Onofrio, Angelo Bosco, Stefano Forgione, Franco Oliviero, Donato Barone, Massimiliano Calabrese, Giulia Campagnuolo, Mariella Perifano, Maria Maddalena Albini, Anna Maria Pastore, Teresa Simeone, Luisa De Duonni, Isabella Leoni, Anna Ciampa, Paola Maglione, Piera Zampelli Carmen Caggiano, Linda Mercuro, Cinzia Luciano, Luciano Politi. E naturalmente anche dei rappresentanti di Istituto: Matteo Della Porta, Alfredo Rossi, Michele Russi, Antonio Pica.