Demolizione dell'I.C. Torre, "il Comune convochi un incontro pubblico"

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

"L'Amministrazione comunale, insieme ai dirigenti scolastici, convochi un incontro pubblico con residenti e commercianti in merito al progetto esecutivo di demolizione e ricostruzione degli edifici scolastici Federico Torre e Nicola Sala (leggi)". Così Francesco Farese che sottolinea "la necessità di informare i cittadini ed i commercianti sullo stato delle cose e sulle intenzioni future per le due scuole. Sarebbe opportuno coinvolgerli su modalità e tempistiche degli interventi programmati nel progetto esecutivo approvato in Giunta. Ciò soprattutto al fine di evitare che un intervento correttamente finalizzato a rendere più sicure ed all'avanguardia le scuole, possa trasformarsi invece in un lungo stato di disagio per i residenti della zona. O ancora che questo progetto da opportunità di migliori servizi possa riscontrare ostacoli e situazioni di stallo in fase di esecuzione che imprimerebbero un duro colpo all'economia della zona, costituita dal commercio di prossimità.

Prima di giungere all'approvazione in Giunta di questo progetto esecutivo sarebbe stato opportuno - sostiene Farese nella nota diffusa alla stampa - condividere l'idea con residenti e commercianti. Poteva essere l'occasione anche per immaginare altri interventi per una zona che negli anni con la presenza di uffici come Inps, Tribunale, Inail, Questura, Provincia, Università, Agenzia del Territorio è diventata sempre più punto di riferimento per l'intero Sannio senza che vi sia stato però un incremento di servizi a supporto. Sarebbe stato interessante cogliere l'occasione, in fase di progettazione, per aprire una riflessione su come ridisegnare anche alcune funzioni sociali del quartiere intorno al rifacimento delle scuole; dato che la zona alta è l'unica della Città priva di un punto di aggregazione. Condividendo quindi la necessità dei massimi standard di sicurezza per le scuole, l'auspicio è almeno che si possa riuscire ad evitare disagi ai residenti, già quotidianamente costretti a subire una situazione traffico e parcheggi assolutamente insostenibile. L'invito è a tenere conto delle esigenze di tutti nella programmazione di interventi di tale rilevanza per evitare pesanti conseguenze economiche al settore commerciale in un momento congiunturale già negativo.

Per questo l'invito all’Amministrazione è a confrontarsi con tutti questi soggetti: residenti, commercianti, comitati di quartiere, associazioni di categoria per condividere la direzione da intraprendere. Un'operazione di trasparenza e democrazia partecipativa che, nonostante le dimenticanze di cui sopra, potrà anche essere agevolata dal fatto che l'assessore delegato ai Lavori Pubblici, presentatario del progetto, Mario Pasquariello è esperto conoscitore della zona frequentandola quotidianamente per lavoro...".