E due: escrementi di ratti in giro, chiuso il plesso scolastico Papa Orsini, in contrada Epitaffio

- Politica Istituzioni IlVaglio.it
foto di repertorio
foto di repertorio

E due. Con il dispositivo sindacale (a firma Mastella) n.146/2019 un'altra scuola cittadina sbarra le porte agli alunni: si tratta dell'Istituto comprensivo Lucarelli-plesso scolastico Papa Orsini, in contrada Epitaffio. Stavolta la chiusura è prevista per una sola giornata, il 31 ottobre (e quindi la normale attività didattica ritorna lunedì 4 novembre). Ora, sulle prime si potrebbe pensare che ci sia stato un avvicinamento fra il mondo degli adulti e quello degli adolescenti, sempre difficili da interpretare, ovvero che finalmente un atto istituzionale abbia 'santificato' la festività di Halloween. E magari era da augurarselo.

No, anche stavolta ci sono motivi meno futili. Ha scritto, infatti, a palazzo Mosti, nella mattinata del 30 ottobre, il dirigente Silvia Vinciguerra: “Nei locali del plesso sono stati rinvenuti molteplici escrementi di ratti (e alla mail sono state allegate anche foto, Ndr). Pertanto, si chiede, con cortese sollecituine, di predisporre un intervento urgente di derattizzazione anche relativamente alle aree adibite a spazi verdi”. Il Comune, sentita l'Asl, nonché il responsabile del Dipartimento Prevenzione e Sanità Pubblica ed incassata ovviamente la disponibilità ad agire nel più breve tempo possibile, ha quindi emesso l'ordinanza di chiusura della scuola.

L'episodio arriva sulla recente scia della chiusura del plesso di Sant'Angelo a Sasso per il medesimo motivo (leggi), e cioè ratti un po' invadenti. Nella zona alta cittadina si è ipotizzato che le smpatiche bestiole siano state disturbate dai lavori in corso a via Pascoli per l'erigendo monmento al fast food, e quindi abbiano dovuto abbandonare in fretta e furia le loro consolidate tane. Chissà che il pogrom verso la comunità topesca non abbia avuto come conseguenza una immediata marcia forzata verso altri lidi, addirittura all'altro capo della città...