Movida violenta - Gli allarmi e i successivi mancati interventi a Benevento come nel 'Giorno della Marmotta'

- Cronaca IlVaglio.it
Bill Murray nel 'Giorno della Marmotta'
Bill Murray nel 'Giorno della Marmotta'

Certo, quando finisce in qualche modo a ‘schifio’ torna, imperturbabile, l’interesse dei mezzi di comunicazione, e i titoli in stile: “Rissa e droga, fari sulla movida”. Poi, come accade nel “Giorno della Marmotta” che vive Bill Murray, si ricomincia da capo: con la convocazione, nei più confortevoli ambienti della Prefettura, di qualche Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza, e con la consueta convergenza di interesse delle istituzioni e delle forze (di un ordine che mai è stato ristabilito), nonostante “i tanti servizi da coprire” - e i disagi a ciò collegati.

Meno male che la ‘movida’ c’è, insomma, altrimenti quest’aspetto circolare della (micro)storia cittadina non avrebbe il suo sfogo, valvola di un clamore cui s’è fatta l’abitudine, a esso come alla mancata risoluzione dello stesso.

Dunque, un cavallo di battaglia e pure un cavallo di ritorno che interroga i lettori ed i cittadini:
i primi interessati a scoprire il finale, vista la narrazione piatta degli eventi ogni tanto increspata da qualche episodio più movimentato e qualche scoperta ai confini della realtà (la droga, adesso…);
i secondi, dal canto loro, incuriositi (forse estenuati) dal tira-e-molla di misure ‘repressive’ e accomodamenti, che si susseguono nel perpetuare un cambiamento che non modifica alcunché.