Topi a spasso per le scuole di Benevento: nuova ordinanza di chiusura del sindaco, stavolta riguarda la "Pascoli"

- Opinioni IlVaglio.it

Se in queste cose non ci fosse un problema igienico/sanitario da non sottovalutare, la diffusa presenza dei ratti nelle scuole cittadine potrebbe prestarsi ad un fuoco di fila di battute. Non ultima che, da uno dei più bassi gradini della scala sociale cui il pregiudizio umano li ha condannati, la comunità topesca abbia deciso di risalire la china. Innanzitutto provvedendo a darsi un'istruzione... Ecco, infatti, la terza ordinanza di chiusura nel breve periodo emessa dal sindaco di Benevento Mastella e relativa ad un istituto scolastico: questa volta, la “Pascoli”. Consueto l'iter: mail dalla scuola per segnalare che “sono stati avvistati dei topi all'interno dei locali della scuola dell'Infanzia”, Asl allertata, piano concordato con la dirigente Rosetta Passariello, chiusura predisposta nei giorni di lunedì 11 e martedì 12 novembre “per consentire i dovuti interventi igienico sanitari”.

Ha cominciato (leggi) la Sant'Angelo a Sasso (e si pensò che la migrazione dei ratti fosse dovuta alle operazioni di scavo per allestire la nuova meraviglia cittadina, il dispensatore di hamburger); ha proseguito, sulla scia, la Papa Orsini (leggi), ma in contrada Epitaffio (cioè all'altro capo cittadino, per cui era lecito pensare ad una migrazione 'biblica' dei topi); per ora conclude la Pascoli, scompaginando tutte le precedenti interpretazioni. A meno di non supporre un vagare improntato alla casualità: come la pallina della roulette, il topo sceglie a chi far fare vacanza dai banchi...