Io x Benevento: A. O. San Pio, ritirata la delibera sulla convezione

- Politica Istituzioni - Comunicato stampa

Scrive Giuseppe Schipani, per l'associazione Io x Benevento: "Il manager dell'A.O. San Pio Pizzuti annulla la delibera" (n. 164 del 13/3/2019, Ndr) con cui era stato approvato il rinnovo per l'anno 2019 della convenzione per la fornitura di consulenze specialistiche in neonatologia, terapia intensiva e subintensiva neonatale per un numero di ore pari a 250 mensili in favore della Casa di Cura Privata Malzoni Villa dei Platani S.p.A. "Avevamo ragione noi", sostiene Schipani. "Ricordiamo che il Direttore Generale Pizzuti aveva affermato (leggi) che 'in ordine alla richiamata convenzione... il Presidente dell’Associazione IO X Benevento, Giuseppe Schipani, si era imbattuto in altre madornali falsità e che avrebbe dato mandato ai legali di agire'. Oggi, però il direttore generale ha annullato l'atto (con Delibera n. 221 del 23/4/2019, Ndr) che sopperiva alle esigenze di una clinica privata dell'avellinese, la Malzoni, confermando che la denuncia penale depositata dal presidente dell’Associazione Io X Benevento, Giuseppe Schipani, non era strumentale. Poiché il Direttore Generale è coadiuvato da un direttore amministrativo appare incredibile che non abbiano anche annullato la delibera relativa alle prestazioni del 2018, quella per la quale già i medici hanno offerto le proprie prestazioni alla Clinica Malzoni e sono stati retribuiti. Evidenziamo che l’annullamento della delibera costituisce, 'fatti salvi in via prudenziale gli eventuali effetti prodotti dalla stessa fino alla data del 10/04/2019', quindi un atto annullato che continua a produrre effetti. Nemmeno il bon-ton istituzionale di depositare in Procura l’atto di annullamento? Lo faremo noi. Attendiamo che De Luca venga a dare spiegazioni in merito a questa storia e a tante altre, per le quali interesseremo di nuovo la Magistratura. Ci aspettavamo che alla revoca dell'atto sarebbero seguite le dimissioni di entrambi i Direttori", così non è stato, ma "ci auguriamo che di fronte all’evidenza dei fatti da noi segnalati, la Procura possa fare piena luce".