A Pantano "La voce delle donne" distribuisce le mascherine del Comune

- Politica Istituzioni - Comunicato stampa

Scrive l'associazione: La contrada di Pantano tramite l'associazione di quartiere "La voce delle donne" esprime sentimenti di ringraziamento nei confronti dell'amministrazione comunale di Benevento per la fornitura dei dispositivi di protezione individuali necessari per l'emergenza Covid-19. "Appena ritirato il materiale, presso il comando dei vigili urbani, precisa la presidente Velardi, ho provveduto personalmente alla consegna. Oggi il giro è stato organizzato con un'altra componente del direttivo, la tesoriere Antonietta Belperio. È un periodo particolare questo, che ha sconvolto totalmente le nostre vite, ma soprattutto la nostra quotidianità. Ci sentiamo inermi di fronte a questo nemico invisibile ed il semplice gesto di donare una mascherina ha fatto sentire un po' meno insicure le persone. Le abbiamo donate bussando alle famiglie della contrada, anche alle famiglie non iscritte alla nostra associazione di quartiere. Abbiamo incontrato cuori aperti ad accogliere il nostro impegno, cuori talmente aperti che qualcuno di loro avrebbe voluto ringraziarci tramite un forte abbraccio. C'è chi avrebbe voluto ospitarci in casa per un caffè, ma ovviamente viste le misure di sicurezza abbiamo dovuto rinunciare a tutto ciò con la promessa che appena si ritornerà alla normalità ci daremo tutti appuntamento per il caffè mancato di questa giornata.

$Un giorno particolare quello di oggi, la Domenica delle Palme che dà inizio alle feste pasquali. Una Pasqua diversa quest'anno ma che non ci esonera dal formulare gli auguri. Auguri che, l'intero direttivo formula a tutta la cittadinanza, all'amministratore comunale, al nostro Sindaco Clemente Mastella per la sua vicinanza e sostegno ed a tutti coloro che stanno lavorando per assicurare una normalità nella nostra vita, in particolar modo a chi presta la sua opera nel settore medico. Il messaggio della Pasqua è la resurrezione dopo la morte e noi auguriamo a tutti che ci sia la rinascita della nostra vita abituale, e che questa brutta esperienza resti per ognuno di noi solo un brutto ricordo.