Turismo dopo il Covid 19, la riflessione della Pro Loco Samnium

- Cultura Spettacolo - Comunicato stampa

Il presidente della pro Loco Samnium Giuseppe Petito a confronto con le Agenzie e Associazioni Turistiche interregionali per il rilancio per il Sannio dopo il Covid 19, ha diffuso sul tema la seguente riflessione: "Le destinazioni devono reinventarsi e prepararsi ad attirare e accogliere una nuova domanda, tutto ciò che è green, natura e sostenibilità, ma anche sicurezza e voglia di rifuggire dalla massificazione.Per il turismo è in atto un possibile percorso di sviluppo che le destinazioni dovrebbero intraprendere per uscire dall’emergenza che stanno attualmente vivendo (il tutto riportato dal IRiSS). Uno degli effetti potenzialmente positivi della crisi pandemica può essere rappresentato dal recupero delle aree marginalizzate che, sebbene dotate di un notevole patrimonio culturale, artistico e naturale, hanno sempre trovato grandi difficoltà a competere. Senza dubbio il turismo è un settore duramente colpito dalla crisi del Covid -19 e sarà sicuramene tra quelli che ne soffrirà maggiormente, perché oramai è evidente che gli effetti si trascineranno per molti mesi. La ripresa, iniziata con l’uscita dal lockdown sarà quindi un percorso lungo e difficile che, probabilmente, si prolungherà per tutto il 2020, mentre il rilancio dovrebbe essere ipotizzabile per il 2021. In questo contesto gli operatori turistici e le destinazioni devono considerare il 2020 come un anno di sopravvivenza e focalizzarsi su quattro obiettivi, GESTIONE DEI COSTI, APPLICAZIONE DI MISURE DI SICUREZZA,RECUPERO DELLA FIDUCIA DEL TURISTA e CATTURA DEL MERCATO ITALIANO . L’introduzione delle misure di sicurezza per garantire il distanziamento sociale obbligherà a rimodellare i servizi e la loro prestazione, ma sarà necessario procedere anche a rimodellare e riorganizzare le proposte degli interi sistemi di offerta turistica ,soprattutto per quanto riguarda l’organizzazione delle destinazioni. Con in Covid 19 si è assistito ad una fase di RESET delle traiettorie turistiche consolidate e si è evidenziato la scoperta di destinazioni delle aree interne , dove la bassa densità abitativa e la ridotta pressione antropica stagionale garantiscono un turismo più “SICURO” e agevole rispetto ai rischi di contagio. Per con questo molte agenzie e istituzioni nazionali abbiamo focalizzato l’attenzione su territori potenzialmente attrattivi ma non ancora attraenti, per mettere in campo politiche a sostegno della valorizzazione turistica nel breve periodo, queste aree turisticamente marginali in Italia coincidono con le aree interne.