Ugl, il giornalista sannita Ragozino enyra a far parte della Consulta Estero

- Economia Lavoro - Comunicato stampa

“Il giornalista sannita Mimmo Ragozzino, già Responsabile delle Relazioni Internazionali con delega per gli Stati Uniti d’America, è stato chiamato a far parte della ‘Consulta Estero’ dalla UGL nazionale”. Lo rende noto il segretario provinciale della UGL di Benevento, Alberto Lombardi, all’indomani della nomina effettuata direttamente dal Segretario nazionale della UGL Francesco Paolo Capone.

“Il nuovo e prestigioso incarico conferito a Ragozzino – scrive Lombardi nel comunicato – non solo è motivo di orgoglio per noi Sanniti ma è il giusto riconoscimento alla professionalità e alle relazioni internazionali che da vent’anni lo stesso Ragozzino intrattiene con diversi Paesi esteri e, in particolare, con gli Stati Uniti d’America, sia con Enti Governativi che con le più prestigiose ed importanti Fondazioni italoamericane, quali Columbus Citizens Foundation di New York, NIAF di Washington e Italian Language Foundation (ILF) di New York.

Tutto il direttivo provinciale di Benevento ha appreso con grande soddisfazione del nuovo incarico conferito a Ragozzino dopo un anno di collaborazione diretta con il Segretario nazionale Capone. Sono certo che Ragozzino, cui vanno le congratulazioni e gli auguri miei personali e di tutti gli iscritti dell’UGL, sarà un valore aggiunto per la costante crescita del nostro Sindacato che con le sue sedi di rappresentanza in diversi Paesi nel mondo è stato sempre attento e vicino alle esigenze dei nostri connazionali che lavorano all’estero”.

Nel ringraziare i vertici della UGL per la fiducia, Ragozzino aggiunge: “Covid permettendo, abbiamo già in programma per il prossimo autunno nuovi ed importanti incontri istituzionali negli Stati Uniti d’America e, in particolare, a Washington presso la NIAF e la Camera dei Deputati, oltre che con rappresentanti di Amazon coi quali il Segretario Capone potrà confrontarsi. Un’agenda a parte, ricca di appuntamenti, è stata poi riservata per le comunità italoamericane e, in particolare, per quelle della nostra regione Campania, molto attive sul territorio americano”.