Serie A del Benevento. Rinviata la prima con l'Inter, debutto in trasferta a Genova: "Affronteremo tutti a testa alta"

- Sport IlVaglio.it
Oreste Vigorito, presidente del Benevento calcio
Oreste Vigorito, presidente del Benevento calcio

E' stato presentato oggi il calendario della serie A Tim 2020/21: nel suo risvolto territoriale, è la seconda stagione del Benevento calcio nella massima categoria, stavolta affrontata con la consapevolezza del non lontano passato e degli errori all'epoca commessi. Certo, il complesso agli ordini di mister Inzaghi è ancora in via di definizione, ma il fieno posto finora in cascina in sede di mercato pare rispondere – nei limiti delle ambizioni anche finanziarie legste all'obiettivo sportivo di conservare il posto fra i migliori – al disegno tracciato dal tecnico per competere con maggiore personalità e chances.

Si comincia nel penultimo fine settimana di settembre (19/20); sono previsti sei turni infrasettimanali (16 e 23 dicembre 2020; 6 gennaio, 3 marzo, 21 aprile e 12 maggio 2021) e tre soste per l'attività della Nazionale (11 ottobre e 15 novembre 2020; 28 marzo 2021); la fine è fischiata il 23 maggio 2021. Fissate anche le date per lo svolgimento della Coppa Italia: il primo turno eliminatorio è previsto il 23 settembre.

Questa la sequenza degli incontri dei giallorossi, rispetto alla quale occorre solo segnalare che il vero e proprio debutto avverrà... in trasferta, a Genova contro i blucerchiati. La gara d'esodio con l'Inter, avendo la squadra milanese chiuso – con l'Atalanta – la stagione 'scorsa' in avanti rispetto a tutte le altre compagini, è stato rinviato (identica sorte per i bergamaschi):

1^ Benevento-Inter, 2^ Sampdoria-Benevento, 3^ Benevento-Bologna, 4^ Roma-Benevento, 5^ Benevento-Napoli, 6^ Hellas Verona-Benevento, 7^ Benevento-Spezia, 8^ Fiorentina-Benevento, 9^ Benevento-Juventus, 10^ Parma-Benevento, 11^ Sassuolo-Benevento, 12^ Benevento-Lazio, 13^ Benevento-Genoa, 14^ Udinese-Benevento, 15^ Benevento-Milan, 16^ Cagliari-Benevento, 17^ Benevento-Atalanta, 18^ Crotone-Benevento ,19^ Benevento-Torino.

Di seguito, infine, le dichiarazioni del presidente Oreste Vigorito, del tecnico Filippo Inzaghi e del direttore Pasquale Foggia dopo la compilazione del calendario, così come pubblicate sul sito ufficiale della società.

Il presidente Oreste Vigorito: “Con la presentazione del calendario c’è ancora più consapevolezza che non ci saranno sfide facili per un Benevento che dovrà comunque munirsi di una grande volontà per affrontarle tutte a testa alta. C’è un dato principale che balza agli occhi: nel girone di andata il Benevento dovrà affrontare tutte le big in casa quindi Napoli, Juve, Milan e Lazio. Da qui la speranza che si potranno presto aprire i cancelli dello stadio Ciro Vigorito al pubblico altrimenti andremo incontro ad un danno economico per la società e ad una perdita in termini di emozioni per i tifosi sanniti”.

Il tecnico Filippo Inzaghi: “Che rabbia non essere presente alla prima di campionato per festeggiare il ritorno in serie A. Aspettavamo con ansia il debutto. Con l’Inter? Ma sì, tanto tutte le avversarie sono temibili, dalla prima all’ultima. Comunque questo rinvio, in parte, mi consola soprattutto per i tifosi che potranno, lo spero tanto, forse essere presenti sugli spalti del Vigorito per ammirare una grande del campionato. Il mio occhio al calendario, comunque, è andato poi subito alla sfida con la Lazio di mio fratello Simone a dicembre. È inutile nascondere che sarà una partita doppiamente emozionante così come fu Bologna-Lazio di due anni fa. Ma tutte le partite sono difficili da affrontare ed emozionanti, per esempio il derbissimo con il Napoli ad ottobre e la sfida con il Milan a gennaio, tutte in casa nostra”.

Il direttore sportivo Pasquale Foggia: “La prima sfida sarà con l’Inter, un peccato doverla recuperare, avremmo voluto giocare subito. Ho provato comunque una grande emozione nel vedere il Benevento tra i protagonisti di una serie A importante, ci saranno sul nostro cammino squadre di grande livello, un motivo di orgoglio e uno stimolo in più per far bene e per conquistare l’obiettivo della salvezza”.