Il Comune di Benevento primo in Campania per l’housing first

- Politica Istituzioni IlVaglio.it

Il Comune di Benevento, quale Capofila dell’Ambito B1, ha presentato, in risposta all’Avviso Pubblico n.4/2016, una proposta progettuale di contrasto all’Emarginazione Adulta.

La proposta - scrive l'ufficio stampa di palazzo Mosti - è stata finanziata dal Ministero del Lavoro ed il Comune ha indetto, a settembre 2019, una procedura selettiva per individuare un soggetto del terzo settore disponibile alla coprogettazione ed alla gestione del servizio. E’ risultata aggiudicataria della selezione, il Comitato di Benevento della Croce Rossa Italiana. Comune e CRI hanno perfezionato la coprogettazione dell’intervento di housing first, nell’ambito del quale le persone senza dimora verranno accolte “dalla strada alla casa”. Due appartamenti messi a disposizione dal Comune ed uno dalla CRI per assicurare il conforto di una casa a tanti sfortunati che per diverse ragioni possono trovarsi nell’estrema difficoltà di non avere un tetto a disposizione.

In Italia sono in totale 29 i progetti di Housing First finanziati dal PON, con l’Avviso n.4. Il progetto del Comune di Benevento, la cui presentazione ufficiale è avvenuta oggi, a causa dell’emergenza COVID, è stato il primo avviato in Campania ed il secondo in Italia.

Il Sindaco di Benevento, Clemente Mastella, ha commentato con grande entusiasmo l’inaugurazione del progetto: “Sono fiero di questo risultato raggiunto dall’amministrazione comunale, un passo avanti di civiltà che spero possa contribuire a sottrarre all’emarginazione sociale tanti sfortunati. Tra gli elementi caratterizzanti delle nuove povertà c’è proprio il precipitare repentino in una condizione di emergenza, tante e diverse le possibili ragioni che lasciano pochissimo tempo ai soggetti colpiti, per poter reinventare la propria esistenza e ricostruire una dignitosa quotidianità. Il progetto del Comune e della Croce Rossa non vuole solo garantire assistenza ai più sfortunati ma offrire un’occasione concreta su cui basare un nuovo inizio. Assicurare un sostegno concreto per riorganizzare la propria vita, permettere un momento di tranquillità a chi invece assillato dal bisogno rischia di perdere anche la lucidità per ricominciare. Se, infatti, di fronte all’emarginazione è colpevole voltare altrove lo sguardo, allo stesso modo non è risolutivo garantire solo la carità. Occorre una base su cui poggiare il proprio rilancio e da cui ripartire per una nuova esistenza. Sono orgoglioso del fatto che il Comune di Benevento a partire da oggi abbia la possibilità concreta di offrire accoglienza e supporto fino a 23 persone: un risultato che migliorerà la vita dei diretti interessati e di tutta la nostra comunità”.