"D- 1 9" a Benevento il saggio spettacolo del “TeatroStudio” della Solot

- Cultura Spettacolo IlVaglio.it
Gli allievi durante le prove
Gli allievi durante le prove

Venerdì 18 e sabato 19 settembre, alle ore 18.00, nel giardino del Mulino Pacifico, andrà in scena il saggio spettacolo di “TeatroStudio”, storico corso di recitazione promosso dalla Solot Compagnia Stabile di Benevento, rivolto ai giovani dai 16 ai 26 anni di età. Nonostante l’interruzione dell’anno accademico 2019/20 a causa delle limitazioni imposte per il contenimento dalla pandemia, si legge nela nota diffusa alla stampa, i giovani allievi con l’entusiasmo di sempre hanno dedicato la loro estate al recupero delle lezioni perse e alla messa in scena di “D -19”, spettacolo di fine anno diretto da Michelangelo Fetto.
*
Così le note di regia: “Fu la peste che colpì Firenze nel 1348 ad ispirare Boccaccio nella composizione del Decameron , un morbo terribile che decimò la popolazione fiorentina per più della metà dei suoi abitanti; Boccaccio perse il padre ed amici cari come il poeta Frescobaldi o lo storico Giovanni Villani. La peste fu dunque un evento estremamente drammatico e doloroso per Boccaccio il quale lo descrive nella sua opera anche nelle sue manifestazioni più fisiche e nelle conseguenze che ebbe nella vita civile al punto da essere un riferimento per gli storici che hanno trattato la materia. Sono evidenti i collegamenti fra i nostri giovani e quelli che popolarono il giardino di Boccaccio ed isolati trovarono il modo per esorcizzare paure e ricavare sostentamento morale ed intellettuale ricercando isolamento e raccontandosi le cento novelle che hanno reso immortale la figura di questo padre nobile della nostra letteratura. E’ il Decameron e le sue novelle la fonte di ispirazione di “D-19” , spettacolo di fine anno degli studenti di Teatro Studio . I collegamenti con la sospensione spazio temporale , la clausura imposta dalla diffusione della peste/virus, la necessità del ritorno alla quotidianità, la riflessione sulle mutazioni sociali, politiche, culturali dovute all’impatto deflagrante sulle nostre vite…”.

In scena Mario Canfora, Manuela Grimieri De Ioanni, Nicola Orlacchio, Alessandra Napoletano, Silvia Parrella, Giuseppe Plescia, Glauco Rampone, Emanuela Rapuano, Lucrezia Sassano . Gli ingressi sono limitati nel rispetto delle misure anti contagio Covid - 19, pertanto sarà obbligatorio prenotare il proprio posto a sedere al num. 0824/47037. Il costo del biglietto è di € 5.