Le Regionali - Il candidato consigliere non corre solo per vincere. "L'importante è partecipare", a quel che sarà dato poi...

- Opinioni IlVaglio.it
I sette candidati in Campania alla carica di Presidente della Giunta Regionale
I sette candidati in Campania alla carica di Presidente della Giunta Regionale

Se fosse un concorso, il rapporto fra disponibilità e aspiranti sarebbe più che accettabile: due posti, una cinquantina di candidati... pur se l'eventuale contratto con l'istituzione pubblica sarà a tempo determinato: 5 anni. Ma il periodo è difficile e, tutto sommato, la paga buona: il rischio va corso. E poi c'è l'impagabile soddisfazione del ruolo e quella di rappresentare il proprio territorio, certo secondo la parzialità dell'istanza politica.

Al voto per le Elezioni Regionali la provincia Sannio si recherà per eleggere due consiglieri: il ventaglio di opzioni, come abbiamo ricordato, è piuttosto ampio, però una possibile chiave di lettura del voto stess ricorda che, in fondo, non ci si batte solo per entrare nel parlamentino campano, ma pure per figurare agli occhi del vincitore (e, perché no, dello sconfitto).

La politica, infatti, è anche quel sottobosco di nomine e incarichi in enti strumentali che ne fa un pascolo esteso al quale s'accostano in tanti.

L'aspettativa del candidato, quindi, potrebbe andare al di là della normale logica del partecipare: c'è il caso, infatti, che il mancato successo nell'urna non si traduca necessariamente in una sconfitta.

E non è pertanto difficile scorgere un'ambizione di riserva oltre quella di raffigurarsi su un manifesto 6x3 o su 'vele' mobili sotto l'insegna di un partito o gruppo.

Il concorso pur se non coronato dal superamento, insomma, non esclude un successivo ricorso all'arma della mediazione politica allorquando si tratterà di tracciare la mappa dell'avvento dei vincitori nell'urna.