Contagiati da coronavirus nel Sannio a quota 141: oggi comunicati dall'ASL altri 2 positivi e 5 guariti

- Ambiente Sanità IlVaglio.it

L’ASL di Benevento sul contagio da SARS-CoV-2 nel Sannio ha diramato anche oggi il suo consueto bollettino. Da esso si desumono la presenza di altri 2 contagiati e di 5 guariti. Uno dei nuovi positivi, di Guardia Sanframondi, è ricoverato nell’Area Covid dell’Ospedale S. Pio di Benevento (come comunicato ieri sera dal medesimo nosocomio), l'altro è nel proprio domicilio a S. Lorenzello. I 5 guariti, uno per comune, sono di: Dugenta, Montesarchio, Reino, S. Agata dei Goti e S. Angelo a Cupolo.

Plaudiamo a una nota oggi aggiunta alla scarna tabella vergata dal Servizio Epidemiologico dell’ASL che ha comunicato di avere – nella tabella del 22 settembre - erroneamente attribuito 4 contagiati al comune di Dugenta al posto di quello di Durazzano. Nulla di strano, un mero errore nella trascrizione dei dati che certamente può capitare.

Se è accaduta la stessa cosa o una simile, per "i tre casi strani" di contagiati poi scomparsi dalla tabella (di cui parliamo più avanti in questo articolo), perché l’ASL non lo chiarisce alla stessa maniera?

Nelle more, dobbiamo continuare a chiederglielo: il Giornalismo ce l’impone. Così come dobbiamo continuare a scrivere che - a differenza di quanto fanno lo Stato e la Regione – l’ASL di Benevento non comunica giornalmente quanti tamponi faccia esaminare e quindi non può essere compreso, dalla cittadinanza, quale sia realmente la tendenza e l'entità del fenomeno epidemico in atto.

Dal 1° agosto in poi, solo il 16 settembre, una tantum , l’ASL ha fornito la cifra dei tamponi da essa fatti processare: ebbene dal 1° agosto al 15 settembre (in 46 giorni) sono stati 2.790. Pochi senz'altro e solo questo possiamo dire, perché nessun altro dettaglio ha aggiunto tale che possa far considerare diversamente questi 2.790. E, se non fosse ancora chiaro, 2.790 divisi per 46 giorni fanno in tutto il Sannio 60 tamponi al giorno, di media, durante una pandemia in recrudescenza…
*
Dunque, oggi 23 settembre altri 2 positivi in più sono stati resi noti. Dal 1° agosto, quindi, siamo già a 141 contagiati sanniti dal SARS-CoV-2 di cui 2 morti. Da marzo al 27 giugno (giorno in cui il Sannio era diventato Covid free), i sanniti contagiati erano stati in totale 209, di cui 17 deceduti (di questi 12 erano pazienti contagiati nel focolaio di Villa Margherita). I comuni sanniti investiti dal contagio sono ora 30 sui 78 totali.

Da qualche giorno, nella tabella dell'ASL è comparsa la casella "contagiati non residenti". In essa ci sono 4 contagiati. Potrebbero essere i positivi denunciati dal segretario generale del sindacato Sinappe, Roberto Santini, che sostiene essersi verificato un focolaio nelle carcere di Benevento, in contrada Capodimonte. L'ASL in merito nulla ha scritto, nel suo sito ufficiale, per confermare o smentire.

Veniamo al report odierno.
Scrive in esso l’ASL di Benevento sui contagiati sanniti che gli attualmente positivi al virus in cura nei propri domicili sanniti sono 90 (ieri 94); i ricoverati al ‘S. Pio’ sono 5 (ieri 4), il ricoverato in altre province è tuttora 1 solo (come ieri), le guarigioni in totale sono state 41 (ieri 36).

Schematizzando, dal 1° agosto, i casi totali sono stati 141, così differenziati, nel report di oggi 23 settembre:
2 persone morte di Torrecuso;
5 ricoverati nell'ospedale 'S Pio' di Benevento (1 di Castelvenere, 1 di Guardia Sanframondi, 1 di Telese e 2 di Benevento)
1 ricoverato in ospedale fuori della provincia di Benevento (è di Limatola);
90 persone attualmente positive in cura nei propri domicili sanniti:
29 a Benevento;
12 a Montesarchio;
9 a Durazzano
5 ad Airola, Limatola e S. Agata dei Goti;
4 a Telese;
3 a S. Lorenzello
2 a Bonea;
1 ad Apice, Castelvenere, Faicchio, Fragneto l’Abate, Paduli, Paolisi, Reino, S. Bartolomeo in Galdo, S. Nicola Manfredi, S. Angelo a Cupolo Tocco Caudio e Torrecuso;
più 4 non residenti nel Sannio.
41 guariti:
6 a Benevento;
4 ad Apollosa, Reino, S. Agata dei Goti;
3 a Montesarchio, S. Nicola Manfredi e Torrecuso;
2 a Moiano, S. Giorgio la Molara e S. Angelo a Cupolo;
1 ad Airola, Cerreto Sannita, Dugenta, Durazzano, Paduli, S. Lorenzo Maggiore, Solopaca, Telese.

'Casi dubbi': sono quelli relativi ad alcune cifre di persone - tre - prima riportate nei report dei contagiati nei propri domicili, ma poi sparite nel nulla, nel senso che esse non sono passate - come avrebbero dovuto, come è accaduto a tutte le altre persone finite in quella tabella - nelle altre caselle: cioè o tra i guariti o tra ricoverati al ‘S. Pio’ o tra i ricoverati in altre province o tra i deceduti.

Di questi tre 'spariti' uno è stato comunicato come residente a S. Nicola Manfredi (fino al 1° settembre), un altro a Durazzano e un altro ancora a Montesarchio fino al 14 settembre. Le comunicazioni dell'ASL di Benevento sono ufficiali e se c'è stato qualche refuso in esse va ufficialmente comunicato, con gli stessi mezzi. L'ASL da oltre 20 giorni non lo fa, a parte il caso odierno dei 4 contagiati di Durazzano, ieri a ttribuiti a Dugenta.