Il Benevento all'Olimpico contro la Roma: pazienza e umiltà contro il pronostico

- Sport IlVaglio.it
Marco Sau
Marco Sau

Certo la testa degli italiani è rivolta altrove, ma l'illusione della 'bolla' sportiva resiste, soprattutto per le necessità economiche, e il passatempo nazionale torna ora a occupare anche le cronache locali: riecco il campionato di serie A, alla sua quarta giornata di andata. Il torneo non è esente da coinvolgimenti Covid, ovvio, al punto da dettare agli allenatori, in certe circostanze, le formazioni da mandare in campo dopo la conta degli assenti, anche di qualità, nella rosa – e questo prefigura, naturalmente (ma non ci si può far nulla), una disparità comprensibile (ci sarà magari chi affronta un avversario al completo e chi farà i conti con assenze pesanti) con la quale comunque bisognerà convivere, per usare un'espressione molto in voga negli ultimi tempi.

Il Benevento, due vittorie e una sconfitta allo stato e quindi una collocazione allo stato più che degna e un bottino in punti di conforto finora, s'approccia allo stadio Olimpico e alla Roma nel posticipo serale della domenica. Affronta un avversario di qualità, dalla classifica bugiarda, in fase di ristrutturazione societaria e tecnica, in cerca di rilancio e comunque con una striscia ancora aperta contro le neopromosse (è cominciata nel 2016, dopo che Sau – guarda caso – col Cagliari impose un 2/2 ai capitolini...). Il Benevento lo fa, quindi, con il pronostico avverso ma ci si augura forte di pazienza e umiltà, due fra le doti indispensabili per tenere accesa la fiammella della speranza di un match non così squilibrato come quello con i nerazzurri di Conte.

Così, infine, le statistiche offerte dalla Lega presentano l'incontro.

La Roma ha vinto entrambi i precedenti contro il Benevento in Serie A TIM: 4-0 in trasferta nel settembre 2017 e 5-2 all’Olimpico nel febbraio 2018. Inoltre solo la Lazio (11 gol) ha segnato più reti della Roma (nove) contro i campani nel massimo campionato. La Roma ha vinto tutte le ultime 23 partite contro squadre neopromosse in Serie A TIM: è già la striscia di successi più lunga nel massimo campionato contro avversarie provenienti dalla Serie B. La Roma ha segnato in tutte le ultime 50 gare contro formazioni neopromosse in Serie A TIM, 117 reti nel periodo (2.3 di media a match) - già striscia record nella storia del massimo campionato; inoltre, ha vinto 1-0 l’ultimo match di campionato contro l’Udinese; con Paulo Fonseca non ha mai registrato due clean sheet di fila in Serie A TIM.

Il Benevento arriva dal successo per 1-0 in campionato contro il Bologna, solo una volta in precedenza in Serie A TIM ha ottenuto due successi di fila: tra dicembre 2017 e gennaio 2018 con Roberto De Zerbi alla guida. Prima del Benevento le ultime due squadre neopromosse ad aver vinto due delle prime tre gare stagionali di Serie A TIM erano state Hellas Verona e Livorno nel 2013/14 - l’ultima formazione salita dalla Serie B ad aver ottenuto tre successi nelle prime quattro è la Sampdoria, nel 2012/13.

A partire dall’arrivo di Paulo Fonseca alla Roma la scorsa stagione, nessuna squadra ha mandato in gol più giocatori diversi dei giallorossi in Serie A TIM (19, al pari dell’Inter).Il Benevento è la squadra contro cui Edin Dzeko ha la miglior media gol a partita in Serie A TIM :tre reti in due sfide (1.5 gol di media) - l’attaccante della Roma potrebbe rimanere a secco di gol in tutte le sue prime tre gare stagionali di Serie A TIM per la prima volta con la maglia della Roma.

Borja Mayoral della Roma è uno dei quattro giocatori nati dopo il 1/1/1997 ad aver segnato almeno tre reti in ciascuna delle precedenti tre stagioni (dal 2017/18 al 2019/20) in Liga, assieme a Youssef En-Nesyri, Enes Ünal e Mikel Oyarzabal. Marco Sau del Benevento ha segnato tre reti contro la Roma in Serie A TIM, inclusa la sua ultima marcatura nel massimo campionato nel dicembre 2018, solo contro Genoa e Sassuolo ha realizzato più gol nella competizione (quattro ad entrambi).