Da una parte all'altra, senza sosta: la spola, cifra caratteristica della politica a Benevento

- Opinioni IlVaglio.it
Clemente Mastella e Oberdan Picucci
Clemente Mastella e Oberdan Picucci

'Moderati' forse di nome, ma decisi quanto a vie di fatto: “Il gruppo consiliare ( Antonio Puzio, capogruppo, Mimmo Franzese, Annalisa Tomaciello, Angela Russo, ex assessore di riferimento in Giunta Oberdan Picucci – Ndr) prende atto del venir meno delle condizioni di permanenza nella maggioranza a supporto del sindaco Clemente Mastella, dato il mancato rispetto di impegni presi con il gruppo consiliare, cosa già avvenuta in passato”, eccoli a esternare sulla stampa appena un mesetto fa.

E che dire delle ultime sortite del capogruppo a palazzo Mosti, Puzio? Accusa il sindaco di “terrorismo psicologico” quando la fascia tricolore minaccia di chiudere il cimitero in occasione del 2 novembre o ne censura “ordinanze che risuonano quasi ridicole” quando vieta Halloween e le sue ricadute economiche. Insomma, un gruppo che non le manda a dire, motivatissimo per via del mancato concretizzarsi di un giro di poltrone (Picucci alla Gesesa, qualcuno di loro in Giunta). Con la conseguenza delle dimissioni di Picucci e del loro impegno a valutare “la propria posizione consiliare a seconda di ciò che sarà discusso nell'esclusivo interesse della città”. Così fan tutti, ovviamente.

E che dire del medesimo Picucci?
A metà ottobre, una settimana dopo il suo addio alla Giunta, confessa di essere stato ricontattato da Mastella per ripensarci. Una serie di “nonostante...” prelude a un finale piuttosto chiaro: “Ritengo che non ci siano le condizioni che possano portare ad un ripensamento. Non è una questione di poltrone, è una questione di chiarezza nei rapporti politici e prima ancora personali. Come si usa dire in qualche gioco televisivo: ringrazio, rifiuto e vado avanti”.
Proprio da quest'ultimo assunto bisogna ripartire per interpretare la chiusura del suo post di saluto alla città allorquando maturò il passo d'addio: “Dopo 15 anni lascio Palazzo Mosti...”, l'avvio, ma “l'impegno in politica sicuramente continuerà...” il finale in crescendo.
Infatti...
Riparte... da dove s'era fermato, in perfetta continuità: “Il sindaco Clemente Mastella ha ricevuto ieri Oberdan Picucci e Annalisa Tomaciello” (ieri è il 5 novembre, Ndr). E i due, nel corso del colloquio, “hanno annunciato la volontà di presentare una lista in suo sostegno in occasione delle elezioni comunali del prossimo anno”.

Una politica magmatica, quella beneventana: in poche righe viene depotenziato il 'beau geste' dell'ex assessore, e tutta l'etica con cui ha caricato a pallettoni i suoi 'post' social; e si sfalda il gruppo dei Moderati grazie all'inversione ad U(dc...) di uno dei suoi elementi, Annalisa Tomaciello, partita dall'oggi inesistente formazione centrista, approdata ai lidi Moderati a corrente alternata (ora con Mastella, ora contro Mastella), approdata nuovamente sulla maggioranza d'estrazione ceppalonese.

Dire che le 'trame' di palazzo (Mosti) sono vieppiù intriganti toglie addirittura pathos al racconto delle stesse: siamo ben oltre i bastioni di Orione (e con ogni probabilità non finisce qui).