Quello che le ASL non dicono... Oggi il S. Pio annuncia 86 sanniti positivi, poco dopo l'ASL ne comunica in totale, la metà 43. E all'ASL arrivano anche i test dei laboratori privati e dell'Istituto Zooprofilattico

- Ambiente Sanità IlVaglio.it

Il Dipartimento di Prevenzione dell’ASL di Benevento ha inviato alle 20.55 ai giornali una tabella riportante i dati Covid in provincia di Benevento. Tabella scarna e dalla quale la cittadinanza riesce a capire pochissimo sulla tendenza del contagio da SARS-CoV-2 sul territorio. Tabella che non fornisce alcuna cifra specifica sul capoluogo Benevento e gli altri 77 comuni della provincia, come fanno invece le altre ASL e, fino al 2 novembre scorso, ha fatto anche questa stessa ASL sannita. Ne parliamo più avanti in questo articolo.

Rimandiamo invece all’articolo dell’altro ieri (
clicca per leggere) l'approfondimento sii dubbi che né ieri e nemmeno oggi l'ASL ha fugato fugati su che fine facciano decine di tamponi di positivi sanniti, anche ufficialmente resi noti, come quelli dell’Azienda ospedaliera ‘S. Pio’ di Benevento, ma poi non computati nel report quotidiano dell’ASL. Infatti oggi, 17 novembre, il solo ospedale S. Pio di positivi sanniti ne ha scoperti 86 (clicca e leggi), l'ASL di Benevento in totale, sempre oggi, e successivamente alla comunicazione dell'ospedale, ne ha comunicati solo 43, esattamente la metà.
E, si badi, all’ASL di Benevento giungono anche gli esiti dei tamponi dei cittadini sanniti processati dai laboratori privati accreditati e dall'Istituto Zooprofilattico...

*
E veniamo, per quel che conta, alla tabella odierna dell’ASL di Benevento.
Oggi 17 novembre i test (tamponi) processati resi noti sono stati 784 (ieri 633). I positivi resi noti e sommati sono stati solo 43 (ieri 60), 19 i guariti (ieri 24) e 1 i morti (ieri 1).
La percentuale di positività di questi tamponi resi noti oggi nel Sannio, quindi, è bassissima, per il periodo, solo del 5.4% (ieri 9,4%). Davvero infima, sia rispetto alla odierna percentuale regionale (18,6%) che di quella nazionale (15,4%). Chissà come mai…

E veniamo alla differenza percentuale tra sintomatici e asintomatici nel Sannio:
ieri, i sintomatici del Sannio sono stati 4 (pari al 6,6% ) e gli asintomatici 56 (pari al 93,4%), mentre in Campania i sintomatici sono stati il 10,7% (quindi gli asintomatici l’89,3%);
oggi, i sintomatici del Sannio sono stati 5 (pari all’11,6% ) e gli asintomatici 38 (pari all’88,4%), mentre in Campania i sintomatici sono stati il 13,8% (quindi gli asintomatici l’86,2%);

Comunicati oggi 19 guariti e 1 decesso
.
*
E veniamo ai dati totali sanniti, cioè, a quelli dal 1° agosto a oggi.
I test (i tamponi) - non distinti nella tabella Asl tra quelli d’iniziale scoperta del contagio e quelli di conferma - sono stati 16.695.

I positivi (si può solo supporre attualmente positivi) al virus
- quelli nei propri domicili e ricoverati al ‘S. Pio ’ di Benevento – sono indicati in 1.682, di cui 234 sintomatici pari al 13,9% (ieri 14,0%) e 1.448 asintomatici pari all’86,1% (ieri all’ 86,0%).
I guariti in totale sono stati 630.
I deceduti sono stati 36, tanti quanti ne indica il “S. Pio”. Ma “Il Mattino” ha riportato oggi la notizia di una signora sannita ospitata in una RSA a S. Bartolomeo in Galdo e morta ieri. Come mai il suo decesso non è stato aggiunto?

*
La nuova tabella ASL, adottata dal 3 novembre, come sopra anticipato, non è chiara ed è molto lacunosa.
Innanzitutto non distingue se i test (i tamponi) che comunica ogni giorno e poi somma sono solo quelli di iniziale ricerca della positività o se ci sono anche quelli di conferma di positività già accertata. Opportunamente questa distinzione fa ogni giorno l’ospedale S. Pio di Benevento.

La mancanza di tale distinzione non consente di potere stabilire esattamente quale sia la cifra dei casi totali di contagio dal 1° agosto in poi. Una sezione questa dei casi totali che è necessaria quanto le altre tre (deceduti, guariti e attualmente positivi). Non a caso presente e fondamentale nel bollettino nazionale ufficiale giornaliero sul contagio.

La sola attuale colonna fornita dall'ASL alla voce "positivi" (oltre quelle deceduti e guariti) se va intesa come ‘casi totali’ allora ricomprende anche le altre due cifre dei guariti e dei deceduti;
se va intesa invece come contenente la cifra dei soli attualmente positivi allora alla stessa, per avere il numero dei casi totali, vanno aggiunte le cifre dei morti e dei guariti.
Nella prima fase della pandemia, quella durata fino a giugno, i contagiati in totale furono solo 209.