Il ricorrente indecisionismo a perdere come sfondo della crisi del Benevento calcio

- Sport IlVaglio.it
Oreste Vigorito, presidente del Benevento Calcio
Oreste Vigorito, presidente del Benevento Calcio

Magari ha ragione il presidente del Benevento calcio Vigorito, e il 'ritiro' è un'altra di quelle misure di prassi da adottare quando i risultati non vengono. O magari ha ragione il ri-confermato tecnico Cannavaro che del 'ritiro' non si può dire ne colga lo spirito né comprenda il senso, però si adegua alla prassi del datore di lavoro. Non foss'altro che per provare a cementare la slabbrata logica di gruppo attualmente alle corde.

Aleggia comunque una curiosità intorno al periodo nero che sta vivendo la squadra giallorossa: la 'gestione' della crisi e il suo sbocco. A pensarci bene, nel corso di quegli ultimi storici anni per il pallone giallorosso (vertici in serie B, esperienze in serie A), è stato proprio nelle crisi che s'è misurata la temperatura della capacità.

Il primo anno fra i grandi è stato compromesso da una partenza ad handicap costata cara (una lunga teoria di sconfitte) e con rimedi (esonero di Baroni, arrivo di De Zerbi, ritocchi sul mercato invernale) venuti solo quando l'irreparabile già si prefigurava.

Il secondo anno fra i grandi è stato compromesso, sorprendentemente, da un girone di ritorno ad handicap e, stavolta, nessuna decisione adottata per correre ai ripari (Inzaghi ha lasciato a retrocessione avvenuta).

Nei due primi ritorni fra i cadetti (con Bucchi e poi con Caserta) la conclusione è stata inferiore alle attese e i rapporti si sono interrotti, con un’appendice colpevole nel recente caso dell'allenatore calabrese sostituito dall'ex campione del mondo.

L'insieme di questi eventi tratteggia un indecisionismo a perdere, venuto a galla proprio quando della lucidità si deve far professione. E ora c'è quest'ultimo accidente negativo dell'attuale campionato di serie B che sta facendo franare il rapporto con i tifosi e inietta veleno nelle dinamiche di squadra. Cambio tecnico e, adesso, 'ritiro' sono le soluzioni adottate nell'immediato, prima magari della riapertura del mercato: qui si parrà la validità delle lezioni precedenti, pena l'inabissarsi in un calcio più sporco e meno qualitativo dal quale spesso diventa difficile risalire.