Apertura dell'anno scolastico: nota di Angsa Campania

- Scuole Università - Comunicato stampa

Scrive Claudia Nicchiniello, presidente di Angsa Campania: Esprimo con naturale schiettezza l’apprezzamento per l’analisi svolta dall'assessora comunale di Benevento all'Istruzione, Rossella Del Prete che è stata riportata dai quotidiani locali. Voglio aggiungere che da tempo avevo espresso dubbi sul funzionamento di alcune scuole in senso “ scolastico” , di pianta organica e di logistica strumentale. Soprattutto per l’inclusione dei disabili. E della “ anomala” assenza del Provveditore agli Studi nel passato su molte scelte importanti. Non ultimo la numerosità delle classi.

Se qualche dirigente ... ha confermato classi di 32 alunni e non ha attivato immediatamente una separazione delle classi, questo certo non lo si deve ascrivere ad una mancanza di spazi. Certo é che ricordarsi ora di alcune cose è molto tardi.

Ecco cosa scrivevo l’8 maggio al Presidente dell’Unione Industriali, che prontamente mi rispose: "Cortese Presidente, Le scrivo come madre di tre figli, tutti in età scolastica. Ho appreso ieri dalla rassegna stampa che consulto che molte realtà ( purtroppo quasi tutte settentrionali ) stanno investendo sulla ripresa della edilizia nel campo delle ristrutturazioni scolastiche, ovvero anche nella ristrutturazione di luoghi quali strutture religiose o caserme non più utilizzate. La nostra provincia, che per anni ha avuto una storia importante di imprenditoria edilizia, oggi ha visto da almeno 10 anni una crisi emergente nel settore.

Contemporaneamente nel Governo vi sono spinte favorevoli alla riapertura a settembre in condizioni di sicurezza delle scuole, con classi con non più di 10 alunni. A Benevento vi sono edifici inagibili, e già lo scorso anno i ragazzi erano costretti in classi affollate.

Le chiedo di intercedere per costruire velocemente un Patto per la Ricostruzione Scolastica , ovvero costruzione di nuovi edifici se necessario, riconversione di edifici religiosi o militari in strutture atte ad ospitare classi con non più di 10/13 alunni in condizioni di sicurezza.

Certamente la bassa densità abitativa della nostra provincia favorirebbe una ripresa celere del rientro in classe degli alunni. Per Benevento sarebbe una occasione unica di ripresa anche economica, attraverso un Patto Territoriale che miri ad utilizzare Fondi Strutturali, Fondi Statali , Fondi Regionali, con bandi celeri , come il Capo del Governo Conte ha allo studio".