A Paupisi una mostra fotografica su San Pio

- Cultura Spettacolo - Comunicato stampa

Dal 2 ottobre la parrocchia di Santa Maria del Bosco di Paupisi, retta da don Raffaele Pettenuzzo, accoglie la mostra fotografica su San Pio da Pietrelcina: una raccolta di immagini scattate da Elia Stelluto.

Ospitata nella bella Chiesa parrocchiale di Santa Maria del Bosco, nel centro di Paupisi, la mostra consta di circa 400 foto del Santo scattate da Elia Stelluto. Una raccolta eccezionale di istantanee, scattate e raccolte nell'arco di una vita intera, quella allestita dal fotografo di San Giovanni Rotondo che, dall’età di sette anni ha avuto il dono di poter seguire il Santo, di essergli amico, di poterlo immortalare nei momenti di intimità, di preghiera, di gioia e sconforto, ma anche nei suoi incontri con gli amici di un tempo, i figli spirituali, le personalità che andavano a visitarlo, i prelati che da tutto il mondo salivano a San Giovanni Rotondo per incontrarlo, e in modo particolare, quasi carpite, con l’occhio indiscreto della macchina fotografica o della cinepresa 16 millimetri, le sue suggestive celebrazioni eucaristiche, le liturgie, i personalissimi tempi di preghiera personale, cogliendo, come nessun altro ha saputo fare, le straordinarie espressioni mistiche del Frate di Pietrelcina.

Si può dire - prosegue la nota diffusa alla stampa - che le migliaia di fotografie scattate da Elia Stelluto, ed i video realizzati in seguito – come quello dell’ultima Messa di Padre Pio - si potrebbero definire come un Quinto Vangelo del Frate di Pietrelcina.

Degno figlio spirituale di Padre Pio, avendogli anche servito tantissime volte la Santa Messa, Elia Stelluto è ora un umile e semplice strumento di bene. Un uomo che porta avanti la sua singolare missione comunicarzione visiva, attraverso le miriadi di immagini che ritraggono il Frate di Pietrelcina, facendo di Elia Stelluto un apostolo della conoscenza mediatica del Frate di Pietrelcina. Guardando le suggestive della mostra fotografica che offre uno scorcio di luce sui labili confini tra la terra e il cielo, i visitatori hanno il singolare privilegio di poter cogliere, nella bellezza e pregnanza delle immagini, il vero volto, la dimensione spirituale e mistica, la purezza di cuore, il candore, e forse anche l’autentico afflato spirituale, mistico, e oblativo di Padre Pio da Pietrelcina.